Requisiti per l'accesso

Titolo di studio richiesto

Per essere ammesso al corso di studio lo studente deve possedere un Diploma di Scuola Secondaria Superiore o un altro titolo di studio conseguito all'estero riconosciuto idoneo.

 

Conoscenze necessarie per seguire i corsi con profitto

Le conoscenze necessarie per seguire con profitto i corsi impartiti durante il primo anno sono quelle che ogni Diplomato di Scuola Secondaria Superiore dovrebbe avere ed in particolare: una buona conoscenza della lingua italiana parlata e scritta, capacità di ragionamento, conoscenza e capacità di utilizzare i principali risultati della matematica elementare e dei fondamenti delle scienze sperimentali.

Per quanto riguarda la Matematica sono necessarie le seguenti conoscenze:

  1. Aritmetica e algebra. Proprietà dei numeri reali e operazioni su di essi. Valore assoluto. Potenze e radici. Esponenziali e logaritmi. Calcolo letterale. Polinomi (operazioni e scomposizione in fattori). Equazioni e disequazioni algebriche di primo e secondo grado. Sistemi di equazioni lineari.
  2. Geometria. Segmenti e angoli. Rette e piani. Luoghi geometrici. Proprietà delle principali figure geometriche piane e dei solidi.
  3. Geometria analitica e funzioni. Coordinate cartesiane. Concetto di funzione. Equazioni di rette e di semplici luoghi geometrici.
  4. Trigonometria. Grafici e proprietà delle funzioni seno, coseno e tangente. Le principali formule trigonometriche.

Il grado di profondità delle conoscenze sopra specificate può essere verificato dallo studente confrontando il punteggio conseguito nel Test di ingresso (si veda oltre) con quello conseguito dagli altri partecipanti al test, a livello locale e nazionale.

 

Test di ingresso

L'accesso al corso di studio è libero, ma è obbligatoria la partecipazione ad un test orientativo organizzato su scala nazionale da un ente esterno certificato. Il test, da svolgersi in modo sistematico e secondo una procedura certificata, ha valenza di orientamento, non è selettivo ed è obbligatorio ai fini dell'individuazione dei debiti formativi; lo scopo del test, il cui superamento non è vincolante per l'immatricolazione, è quello di verificare la preparazione in ingresso degli studenti, renderli consapevoli della competenze possedute ed individuare eventuali debiti formativi da colmare con modalità definite da ciascun corso di studio.

Con riferimento a quanto sopra si precisa che:

  • con "corso ad accesso libero" si intende che non sono previsti numeri chiusi o programmati;
  • il "test orientativo" citato nel testo può trovarsi indicato in modi diversi nei documenti informativi, nelle pagine web e nelle procedure dell'Ateneo che si riferiscono ai corsi di laurea in Ingegneria, come p.es.: "test di ingresso", "test di valutazione", "test di autovalutazione", ed altri simili; tali denominazioni sono del tutto equivalenti;
  • scopo del test è anche quello di fornire all'Ateneo un quadro oggettivo del livello della formazione degli studenti in ingresso;
  • nel caso dei corsi di Ingegneria a Parma il "debito formativo" assume la forma di un "obbligo formativo aggiuntivo (OFA)", deliberato annualmente dal Dipartimento a cui il corso afferisce e specificato nel sito informativo sul test.